Roberto Bianchi ..... Pittore

Roberto Bianchi

Il più bel ricordo di mio padre,
avevo tra i 4/5 anni,
Non era un artista ma in un giorno qualsiasi mentre si stava ancora a tavola, prese un giornaletto di Tex, un foglio di carta una penna biro e mi disse:
"guarda come si fa a disegnare un cavallo"

Forse lo disse ironicamente.
Ricordo ancora il tratto insicuro, quel movimento della penna che creava una forma simile a quella copiata, ne rimasi abbagliato da quel che ne uscì!
Forse non fu un capolavoro ma fu la prima volta che vidi eseguire un disegno.

Inizio tutto così!
Da quel giorno iniziai ad usare la matita, quei fumetti furono la mia ispirazione che proseguì per tanti anni.
Disegnavo cavalli, cavalli, ed ancora cavalli. Riempivo non solo gli album da disegno ma anche i libri di testo durante le lezioni in classe.

Dopo la matita ci fu la china, quel contrasto di bianco e nero mi accompagnò fino agli 11 anni.
Nel 1980 conobbi il pittore Vico Calabro' che venne a Cibiana per una nuova iniziativa, I Murales.

Fui subito attratto da questi famosi pittori che dipingevano le mura delle case, lui mi notò subito e mi coinvolse con la mansione di aiutante. Alla fine di quell'estate, prima di andarsene mi chiamò da parte e mi fece un dono enorme, mi consegnò una vecchia valigia pesantissima, la aprii e dentro vidi che era piena di colori ad olio.

Mai visti prima, non sapevo nemmeno come usarli, ma iniziai subito ad sperimentare. 

Non chiesi aiuto a nessuno, provai e riprovai diluendo quei colori con olio di oliva perché altro non avevo.
Fu il regalo più bello della mia vita!!!
Gli animali dei boschi furono il passo successivo, poi i paesaggi, le amate montagne ecc.
Non avevo la voglia di studiare ma solo quella di disegnare.A scuola non riuscivo a trovare la concentrazione, pensavo solo a cosa avrei potuto dipingere appena arrivato a casa.

Forse i professori non mi capivano. Credo che la mia fortuna sia nell'avere una grande memoria visiva, osservare e memorizzare ogni piccolo dettaglio per poi riprodurlo.

Nel 1985 iniziai a lavorare come operaio in fabbrica, nel 1991 mi sposai con Laura e nel 2000 decisi di fare il pittore professionista.

Ho provato tutte le tecniche pittoriche, rimanendo sempre alla ricerca della perfezione. Gli animali e la natura sono sempre la mia grande passione tanto da comparire anche nel mio nuovo genere di surrealismo.
Ora da 5 anni ho una scuola privata di pittura dove insegno la mia tecnica da autodidatta.
L'arte vive in me ed io vivo per lei!

RoBi.

Email: info@robertobianchi.com

Cell. 347 7022331

Seguici


Roberto Bianchi  - Maestro di Pittura - Via Masarié 6- 32040 - Cibiana di Cadore - P.IVA 01178650253